L’estate è finita

Evviva l’autunno! Il prossimo weekend spero di dedicarmi ai cartacei che però probabilmente usciranno a ottobre. Intanto è uscito l’e-book di Onorevoli Assassini che comprende Talwar e Khanda, Assassini Innamorati e la Storia di Saif.

Forse dovrei fare un mini-cofanetto con Kilig la Spada, visto che sono storie collegate. Solo che mentre Onorevoli Assassini e Saif e Kilig sono relativamente “puliti”, Kilig e Hakeem è decisamente vietato ai minori.

Comunque usciranno i cartacei di Onorevoli Assassini e di Favole Rivedute e Corrette (pensavate mi fossi scordata, eh?) entro la prima metà di ottobre. Poi entro l’anno ci sarà l’ebook di Re della Musica, un racconto lungo dell’universo di Star Minds vagamente collegato alla seconda generazione nonchè a Yash e Ryo.

Altro tempo per le traduzioni non credo di averlo quest’anno. Intanto godetevi le nuove uscite (l’estate ha visto solo pubblicazioni in italiano!) con le splendide copertine della mitica Rossana Beretta, e, se vi va, compilate il sondaggio qui sotto per aiutarmi a scegliere cosa tradurre – il sondaggio è anonimo! 😉

Annunci

e abbiamo anche…

Favole rivedute e corrette su Terra d’Argento, con la copertina della favolosa Rossana Beretta… quindi potete leggervi le suddette tutte insieme. A settembre provvederò al cartaceo.

Così avete visto Rithvik in versione Barb e in versione Rossana! 😉

Ho quasi finito di tradurre la Storia di Saif, quindi sempre prima della fine dell’anno (se non a settembre, magari a ottobre), la pubblicherò insieme a Talwar e Khanda – Assassini Innamorati sempre con copertine di Rossana…

Prossimo mese sarò a Helsinki per la Worldcon, se ci siete, fatevi vivi! 🙂 Qui sotto il programma dei miei interventi…

Aggiornamento

AmrendraGemelli_resizeSono indietro con le altre traduzioni, ma a giugno ho scritto la quarta parte della storia dei principi gemelli e per una volta ho aggiornato prima la versione italiana, in quanto quella inglese devo ancora mandarla all’editor! 🙂

Perciò, se hai acquistato Amrendra – Principi Gemelli su Amazon, penso che ti sia già arrivato l’aggiornamento (se sei online, io tengo il wi-fi spento su KK). Su Kobo, non so come funziona. Su Smashwords, basta andare a scaricare la versione più recente.

Nota bene: il prezzo è rimasto lo stesso! Se non l’hai ancora fatto, Amrendra – Principi Gemelli è ora un racconto molto più lungo di amori maschili e non solo!

Buona lettura.

Aperiodico aggiornamento

Non avendo ancora abbastanza materiale per una newsletter come si deve, intanto posto qui.

Le traduzioni sono state temporaneamente interrotte a causa delle ricerche necessarie per scrivere il secondo libro dei vampiri (fantasy storico). Spero di rimettermici a maggio.

Yash e Ryo_resizeGrazie a chi ha acquistato Yash e Ryo, spero che vi sia piaciuto. E’ un argomento che mi sta molto a cuore e che ho sviluppato in maniera molto diversa rispetto a Smeraldo e Kyrio! 😉

Se il secondo è vietato ai minori, il primo no. Tutto avviene fuori campo, e così sarà per i prossimi, probabilmente. A meno che non traduco altri melodrammoni fantasy (al momento, però, non ne ho altri).

Le ultime storie m/m in inglese sono favole rivedute e corrette con lieto fine, quindi penso che i titoli per adulti siano temporaneamente finiti. Poi vedremo cosa mi dice il signor Ispirazione per il futuro! 😉

La prossima pubblicazione, comunque, dovrebbero essere Scambio di Corpi che sono tre storie umoristiche. La prima è nata da un racconto breve italiano che includerò nella raccolta…

Aggiornamento

Grazie a chi durante il weekend ha fatto “il pieno” su Amazon. Grazie a chi ha comprato il nuovo titolo su Kobo e Amazon ancora prima che lo annunciassi qui.

A settembre uscirà “Amori Maschili a Terra d’Argento” – una raccolta di storie omoerotiche ambientata nel mio mondo fantasy. Devo ancora tradurre l’ultima, ma sono in partenza per Londa e mentre sarà lì, riprendo a scrivere in inglese. Nel frattempo, un assaggio, dispobibile su Amazon, Kobo e Smashwords. All’i-bookstore ci rinuncio, sono troppo rompiglioni, andate a prendervi l’e-pub su Smashwords o Kobo.

Smeraldo&Kyrio_resize

Essere un uomo nel regno di Maadre è dura, soprattutto con la fondatrice, Amazzonia.

Quando Smeraldo viene mandato all’Appartamento della Regina, non si aspetta crudeltò. Solo un mercante straniero può aiutarlo a riprendersi dallo shock.

Ma Amazzonia, che ha quasi duecento anni, non molla.

Un racconto lungo di Terra d’Argento per lettori maturi.

 

Buon Ferragosto a tutti!

Jessamine 4

parte1 parte2 parte3

A quindici anni Ileana partorì un maschietto, e lo chiamò Primo. Qualche mese dopo Jessamine la imitò, e lo chiamò Principe. La maternità quasi contemporanea le unì ancora di più in amicizia e anche Ileana cominciò a pensare di tenersi Carino per la vita.

– Sono molto sorpreso – ammise Notturno osservando Jessamine allattare il piccolo Principe. – Pensavo che sarei stato messo da parte, almeno come amante, una volta fatto il mio dovere.

– E perché? – rispose lei divertita. – Tu sei tutto ciò di cui ho bisogno, non vedo perché dovrei andarlo a cercare altrove.

– Ho undici anni più di te – le ricordò lui. – Puoi permetterti amanti molto più giovani e belli.

– Ma altrettanto efficienti? – domandò lei maliziosa.

– Non sono stato efficiente, è maschio – osservò lui con un sorriso.

– Mia madre ha dato a mio padre una seconda possibilità, e così sono nata io – ribatté lei. – Perciò anche tu avrai anche la seconda possibilità. E la terza, la quarta…

– Smettila – protestò lui ridendo. – Non merito tutto questo.

– Meriti questo e altro – assicurò lei. Principe aveva smesso di poppare e si stava addormentando. – Mettilo a letto – ordinò lei passandoglielo. – E poi vieni qui.

Lui depose il neonato nel lettino e tornò ad abbracciarla con passione.

Lieto Fine

Qui finisce il fumetto e la parte prima della storia. Ma anche la pubblicazione su questo blog. Non sono più soddisfatta di nessuna delle mie opere in italiano, perciò non vedo perchè devo esporle al pubblico ludibrio. Così vi lascio col lieto fine e nessuno dei drammi successivi della nostra regina. Se sapete l’inglese, andate pure a leggere il seguito su Serial Central. Sennò ci salutiamo qui. Il blog chiude a fine mese, dubito che ci saranno molti altri post.

Per novembre dovrebbe essere pronto il libricino “Happiness is…” con le prime 50 vignette circa e “sottotitoli” in italiano e in inglese. Chi fosse interessato e non avesse voglia di mettersi tra i preferiti il mio negozietto Lulu, può mandare una mail a ladyunicorn (chiocciola) hotmail (punto) it e verrà informato dell’uscita del libro quando sarà il momento. Prevedo anche un altro artbook per Natale con altri ritratti (e altri soggetti). Se non vomito nel rileggere, forse aggiungerò un altro romanzo al mucchio. Potete specificare che tipo di  aggiornamento volete nella mail di richiesta (solo vignette, solo artbook, solo romanzo o una mescolanza di tutto).

Grazie per la pazienza di avermi seguito finora!

P.S. Ho preso in edicola “Oggi sposi”. Molto carino. Ora vado all’ambasciata indiana a dare un’occhiata, così posso avere anch’io il mio matrimonio indù! 😉

Jessamine 3

Jessamine di Barbara G.Tarn

parte 1 e parte 2

– E questa? Mi sembra la più recente. – Jessamine seguì col dito la lunga cicatrice sulla pancia di Notturno. Erano entrambi a letto, nudi, e dopo aver fatto l’amore, lei era partita alla scoperta della mappa di cicatrici sul corpo dell’amante, che annuì, assorto.

– E’ stato l’ultimo scontro nell’arena – spiegò. – Per poco non ci ho rimesso la vita. La Regina in persona mi ha affidata alla sua Guaritrice personale, e poi mi ha accolto nel suo Appartamento.

– Ha approfittato di te? – domandò Jessamine un po’ imbronciata. In effetti non ricordava di averlo mai visto accanto alla madre.

– No – rispose lui divertito. – Riteneva che meritassi un tranquillo ritiro dopo dieci anni nell’arena e il suo Appartamento è il posto più tranquillo che ci fosse.

– Hai sentito la mancanza delle donne?– insisté lei.

– Quali donne? Quelle che si imponevano nelle nostre celle nei giorni di riposo? Sono uno schiavo, Jessamine, non ho diritti e quello che voglio io non interessa a nessuno – spiegò lui paziente.

– Perché sei uno schiavo? – indagò lei.

– Vengo da una terra lontana di cui non ricordo il nome – rispose lui. – Avevo una famiglia, ma la nostra nave naufragò sulle vostre coste. Morirono quasi tutti, e i sopravvissuti vennero venduti come schiavi. Io ero robusto e fui preso nell’arena per l’addestramento.

– Sei molto bravo – convenne lei ammirata.

– Ho cominciato molto presto. Il mio primo combattimento ufficiale l’ho fatto a tredici anni. Mi ero ripromesso di sopravvivere a qualsiasi costo, e ci sono riuscito.

– Sei così freddo e efficiente in combattimento – disse lei sognante.

– Combatto con la testa, non col cuore – convenne lui. – Ogni mossa, ogni movimento è sotto controllo. Non mi lascio travolgere dalle emozioni.

– Spero che mi aiuterai a fare lo stesso.

– Posso ingegnarti le mosse e fartele ripetere finché non diventeranno automatiche. Ma nessuno ti chiederà mai di scendere in campo di persona.

– Se ci sarà la guerra, io non resterò nelle retrovie – stabilì lei.

– Perché dovrebbe esserci la guerra? – sorrise lui.

– Non lo so – lei alzò le spalle. – Notturno, vorresti tornare nel tuo paese?

Si tirò su per guardarlo negli occhi, seria.

– Non ne ricordo nemmeno il nome – ribatté lui divertito. – Sono cresciuto qui. E ho terminato la carriera di gladiatore Come tuo Favorito ho raggiunto il massimo a cui potessi aspirare. Perché dovrei andarmene in un posto che non ricordo nemmeno?

– Lo sai che non sei semplicemente il mio Favorito, vero? – insisté lei seria. Gli sfiorò il viso sbarbato con le dita. – Io ti amo.

– Tu sarai la Regina delle Amazzoni – rispose lui teneramente. – Puoi avere tutti gli uomini che vuoi.

– Ma io voglio solo te – mormorò lei abbracciandolo e stringendosi a lui.

– Grazie, mia signora – disse lui chiudendo gli occhi. – Sentivo di fare la cosa giusta quando mi sono offerto volontario per il tuo Rito.

Lei si ritirò su, sbalordita.

– Ti sei offerto volontario? – chiese. Lui annuì con un sorriso.

– La Regina ci ha riuniti dicendoci che le serviva qualcuno, e io ho fatto subito un passo avanti.

– Perché?

– Mi sembrava di doverglielo, visto che mi aveva salvato. E’ stata una bella novità anche per me. E tu eri bellissima…

L’attirò a sé e la baciò con passione. Jessamine si raggomitolò contro di lui, felice. Non poteva credere di aver trovato un uomo che soddisfava ogni suo bisogno. Il piacere della prima volta era stato superato dal piacere della seconda, e della terza. Ogni volta era una riscoperta, non si sentiva mai sazia di lui.

Eppure stava imparando a distaccarsi durante gli allenamenti, a tenere sotto controllo i sentimenti mentre imparava i gesti della scherma, il peso della lancia e la forza della mazza ferrata. Aveva poi una maestra di tiro con l’arco e un maestro di equitazione, ma le lezioni che preferiva erano quelle con Notturno, e il fatto che poi si ritirava a ripulirsi con lui, poi cenavano vicini e infine rotolavano nel letto finché non erano sazi.

Jessamine era innamorata e sperava che tutte le sue suddite si sentissero come lei.

Ileana osservò con curiosità il prescelto di Jessamine. Be’, in effetti non sembrava vecchio. Aveva dei bei muscoli, sarebbe stato un’ottima guardia del corpo. E poi sembrava così posato e… sì, esperto, da far sembrare Carino e gli altri poco più che bambini troppo cresciuti.

– Sei stata più furba di me, Jez – ammise infine con un sospiro. – Io mi accontenterò di avere figli da tuo fratello.

– Puoi sempre cercarne un altro – sorrise Jessamine. – Anche se Carino è molto affezionato a te.

– Siamo cresciuti insieme – le ricordò Ileana. – Mi è parso così naturale cedere alle sue richieste!

– E hai fatto benissimo – assicurò Jessamine. – Ehi, non è colpa tua se non hai fratelli maggiori per ricambiare il favore! Piuttosto, sai già quando partorirai?

– Tra cinque mesi, se i miei calcoli sono esatti.

– Mmm. Io ho saltato il ciclo, mi sa che ti seguo di poco!

– Davvero? – si entusiasmò Ileana. – Dea, questo Notturno è portentoso! Dovrai prestarmelo!

– Niente da fare, lui è mio – stabilì Jessamine decisa.