Tag

, , ,


Sto leggendo il libro di Dacia Maraini, nato dalla sua trasmissione Io scrivo, tu scrivi dove tra l’altro andò ospite anche una mia amica che chissà se scrive ancora – un po’ persa di vista negli ultimi 15 anni… 😉 Comunque, questa non è una recensione del suddetto, visto che non l’ho finito, ma delle considerazioni sui capitoli riguardanti la lettura.

E’ vero che in Italia tutti vogliono scrivere, ma non leggono. Anch’io leggevo poco in confronto a quanto leggo adesso in inglese. E probabilmente è vero che ci sono scrittori che leggono solo traduzioni di best seller americani, mentre ha ragione Dacia, se si vuole scrivere in italiano, bisogna leggere autori italiani. Sennò tanto vale scrivere in inglese, come faccio io.

Quest’estate ho provato a tradurre un paio di scene di Stella Cadente per sottoporle al babbo che doveva controllarne la correttezza… che fatica! Quando dovrò tradurre Menti Stellari (di cui ho solo una parziale versione italiana, perchè l’ho ampliato e continuato quando l’ho riscritto in inglese), dovrò leggere romanzi in italiano in contemporanea, tanto per tornare al fluire della nostra lingua. Meno male che ho ancora una bella pila di libri stampati da leggere, e più della metà sono in italiano. Nasconderò il Kindle finchè non finisco la traduzione! 🙂

Sto anche rileggendo i miei lavori mentre li traduco, quindi anche quello può aiutare… a parte che poi va completamente riscritto perchè certi erano decisamente impubblicabili. Ma erano la cosa migliore che potessi fare in quel momento, quindi li conservo come esperienza… Le famose 10.000 ore, oppure scrivere 1.000.000 di parole inutili prima di scrivere il capolavoro! 😀

Annunci