Tag

,


Se sei su Facebook, clicca “mi piace” su questa pagina:

Description
A tutti i politici italiani onesti e di buon senso, di qualsiasi colore purché abbiano a cuore il nostro paese, chiediamo che si formi subito un governo tecnico, di transizione che compia poche cose subito prima di proseguire spediti a nuove elezioni.
Oltre a fare subito lo stretto necessario (e non di più) per calmierare le ansie dell’Europa e dei mercati, chiediamo che questo governo di transizi…one si impegni rigorosamente a:

1) cambiare la legge elettorale, creandone una che consenta all’elettore di scegliere esattamente per nome e cognome chi vuole che occupi le cariche pubbliche. Qualsiasi carica pubblica, vedi anche successivo punto 3). Stop ad amici e parenti piazzati ad arte.

2) fare una legge che impedisca a qualsiasi politico di essere Presidente del Consiglio per più di due mandati, e in ogni caso il secondo mandato sia consentito solo e soltanto quando confermato dalle elezioni immediatamente successive al primo mandato, ossia solo come rinnovo. Questa legge deve essere retroattiva, ossia chi ha già governato in passato due volte o più non deve governare di nuovo, mai più. Paesi in cui lo stesso individuo governa per troppi anni non sono democrazie, sono dittature. Noi chiediamo che questo non venga più consentito in futuro.

3) il Presidente della Repubblica deve essere eletto dal popolo, anche lui. Con un mandato di 5 anni unico e non rinnovabile, e nessuno deve potersi candidare alla carica se è già stato Presidente del Consiglio. Questa legge deve essere retroattiva, ossia chi è già stato Presidente della Repubblica o Presidente del Consiglio non può candidarsi a Presidente della Repubblica.

4) rivedere immediatamente l’8×1000. Vista l’urgenza non è necessario cambiare la legge, basta applicarla sul serio. La legge già prevede che lo stato italiano revisioni la percentuale dell’8×1000 ogni 3 anni, ma questo non è mai stato fatto dal 1984 (anno in cui è stato creato l’8×1000). Siamo sull’orlo del default, noi sosteniamo che non sia più tollerabile in questo momento erogare oltre un miliardo di euro all’anno al Vaticano, mentre forse a giorni i nostri conti correnti bancari verranno congelati.

Diffondete questa pagina, sottoponetela a tutti i vostri amici, ai politici, al Presidente della Repubblica Napolitano, nei blog, sui social network, speditela ai giornali, facciamola leggere in TV, facciamola entrare in parlamento e al senato con la forza, la voce e la tenacia di milioni di cittadini che pretendono di essere ascoltati.

Annunci