Tag


Che dire di questa ottava fiera della piccola e media editoria… con la mia microeditoria sono entrata per la prima volta come operatore professionale. Non avevo uno spazio (mi dicono che c’è una fila di attesa di oltre cento editori, qualcuno ha aspettato due anni per avere uno spazio), ma sono andata in giro a salutare vecchie conoscenze e/o amici.

Ho regalato segnalibri a quegli editori che mi avevano proposto la pubblicazione a pagamento e agli amici, come Giulio Mozzi, che ha pubblicato il suo Non-corso di scrittura creativa con Terre di mezzo e ha fatto una simpatica conferenza di presentazione (Giulio è stato il mio primo insegnante di scrittura creativa nel lontano 2001, una persona squisita a cui non ho mai mandato manoscritti perchè non pubblica il genere che scrivo, anzi l’ho un bel po’ sconvolto col mio “fantasy porno” – parole sue! – quando l’ho conosciuto) e Enzo Valentini di Penne e Papiri, con cui condivido la passione per il medioevo.

Ho guardicchiato gli stand, ma in realtà ho ancora una bella pila di libri da leggere, quindi ho cercato di non guardare troppo da vicino per evitare le tentazioni (e poi devo rimettermi a leggere fantasy in inglese, visto che è ciò che scrivo, maledizione! Ho perso troppo tempo con non-fiction o ricerche di storia negli scorsi anni!!! :-().

Conferenze ne ho seguite alcune, ma a parte il piacere di sentire leggere il racconto di Bernard Quiriny dall’autore in francese, non ho ritenuto molto… Ed è stato un piacere ascoltare Franco Grillini e Victor Magiar presentare un libro su ebraismo ortodosso e omosessualità (o forse no, secondo Magiar è solo una presa di coscienza… quando lo leggo vi dico!).

Poi ho beccato qualche amico in visita (perfino un fan a sorpresa, che però non aveva studiato e non si aspettava di trovarmi lì! Ciao, Egidio!!! :-D) e saltato lunedì sia perchè la mattina lavoravo, sia perchè non c’erano conferenze interessanti quel giorno e ho comunque una casa da mandare avanti (in realtà sono stata occupata con i regali di natale, ovvero il mio hobby: lavori con le perline o altri materiali, e a finire di scrivere Terra in inglese, che poi nei prossimi giorni lavorativi lo batto al computer)!

Ah, dato che se n’è parlato in fiera, per favore votate nel mio sondaggio “leggere” con le  vostre preferenze… vi comprereste uno di quegli affari per leggere a video o rimanete fedeli al vecchio libro stampato? O preferite un audio-libro? Fatemi sapere, grazie!

Annunci